Quattro coppie beckettiane in (-sieme con) Amore

untitled.png2

Amore.

La parola eterna, indagata in tutte le sue forme, pronunciata, idealizzata, evocata, raffigurata.

La compagnia Scimone Sframeli l’ha sottratta alla sua effigie epica per rappresentarla, dal 2 all’8 Maggio, sul palcoscenico dell’Elfo Puccini nei suoi tratti più realistici e quotidiani, ma così realistici e quotidiani da mostrarne l’ironia amara.

La pièce teatrale – Amore, per l’appunto – vede in scena due coppie: due coniugi anziani e due pompieri omosessuali le cui storie, per assurdo (ma l’assurdo non è un caso), si incrociano.

Sembra quasi di vedere Beckett, nascosto dietro le quinte, che annuisce in segno di approvazione.

I richiami al drammaturgo irlandese, infatti, sono evidenti: la coppia, l’assurdità, l’ironia, ma anche la concezione di tempo e di spazio.

I quattro personaggi sono in un luogo imprecisato, che si presta ad essere un cimitero e insieme una camera da letto e, al contempo, sono estranei ad una qualsiasi collocazione temporale.

Sappiamo che il tempo è passato perché le coppie non sono più giovani e lo ripetono quasi in modo compulsivo costruendo una drammaturgia del ricordo, che si basa sulle loro memorie condivise quando ancora il desiderio permetteva l’intimità, per l’una; e quando la paura costringeva a nascondersi, per l’altra.

Sappiamo che il tempo è passato perché sul palcoscenico ci sono delle bare-letto in legno, pronte ad accogliere l’eterno silenzio di una verbosità anche ridondante.

Le coppie, infatti, ripetono le parole, a volte intere frasi, enfatizzando l’ironia e mettendo lo spettatore nella condizione di chi sta per indovinare la battuta.

L’effetto che suscita è quello di una risata che se nasce con un gusto tutto spontaneo, si smorza presto nel momento in cui la riflessione ne coglie l’amarezza.

Questo perché il lenzuolo non è semplicemente un lenzuolo, così come il fuoco che i pompieri hanno spento per tutta la vita non è semplicemente una fiamma da placare con un estintore e il pannolone non è semplicemente un pannolone.

Le parole, dunque, svuotate da un lato con le ripetizioni e, se vogliamo, con le banalità del quotidiano; si caricano di un significato riflessivo da saper leggere dietro le righe, riecheggiando quello che diceva Ferlinghetti a proposito della poesia: << Poesia è ciò che esiste fra le righe>>.

La vecchia signora, che non possiamo identificare con un nome perché i personaggi non ne hanno uno ma si riconoscono tramite i ruoli dati loro all’interno della società – moglie, marito, comandante e pompiere – è l’unica a pronunciare in scena la parola amore.

Il suo personaggio è forse il più coscienzioso e il più consapevole: lei sa che si stanno preparando ad un viaggio, sa cosa è stato in passato e lo ricorda benevolmente al marito.

Amore e morte, eros e thanatos – i topoi per eccellenza fin dal teatro greco – sono qui in una relazione indissolubile, rappresentati in modo spiritoso e per nulla semplice.

L’opera, dunque, per essere compresa, non va semplicemente guardata nella sua rappresentazione, ma intuita a partire da ciò a cui rimanda.

 

Amore
di Spiro Scimone
regia di Francesco Sframeli
con Spiro Scimone, Francesco Sframeli, Gianluca Cesale e Giulia Weber
scenografia di Lino Fiorito
produzione compagnia Scimone Sframeli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *