Harry Potter e l’edizione illustrata firmata Jim Kay

Harry-Potter-Aware

E’ dal 20 ottobre 2015 che nelle librerie italiane si aggira un capovaloro, un best seller che è capace di rinnovarsi e richiamare di nuovo tanti lettori. Parliamo di Harry Potter, e della sua nuova edizione illustrata.

Dopo essere stata annunciata da diversi mesi, la tanto attesa edizione è stata messa in vendita nei Paesi anglofoni il 6 ottobre, e da subito ha conseguito l’apprezzamento di milioni di fan. Oltre all’edizione normale è disponibile anche quella deluxe: la differenza? Innanzitutto, come spesso accade, il prezzo. La prima si limita alle 30 sterline, mentre l’altra costa ben £150. Inoltre, la deluxe presenta una bellissima custodia rigida color viola e una rilegatura molto più resistente. E’ stata realizzata esattamente per gli appassionati al massimo livello, e come la casa editrice stessa dice, per i “bibliofili”.

La Bloomsbury, casa editrice passata alla storia con l’opera di J.K. Rowling, sfrutta ogni possibilità per far rivivere il mito di Harry Potter nei bambini di oggi, in quelli che lo sono stati e che ora sono un po’ più grandi, e negli adulti che lo hanno letto ritornando indietro nel tempo. Nel sito web dedicato totalmente al maghetto più famoso di tutti i tempi (harrypotter.bloomsboory.com) l’editore non fa mancare informazioni e dettagli su tutto il merchandise disponibile, oltre che speciali curiosità. Una di queste possono essere i video che ritraggono il lavoro dell’illustratore Jim Kay, comprese le tecniche da lui usate, come ad esempio i modellini progettati appositamente per vedere quello che deve essere disegnato.

L’attenzione rivolta al dettaglio, le combinazioni di colori e la rappresentazione viva dei personaggi sono le caratteristiche di questo artista e del suo lavoro. Jim Kay interviene con la sua arte in un periodo in cui qualsiasi tipo di immagine è disponibile, niente è più lontano e intoccabile: tutto si può rintracciare con un semplice clic su Google. Ma il fascino delle sue illustrazioni sta proprio nel far vivere sulla carta i personaggi della storia su un livello diverso rispetto a quello delle altre edizioni. Il lettore legge e per vedere la scena nella sua mente ha come valido sostegno ciò che Kay ha immaginato prima di tutti. Inoltre, non bisogna dimenticare la forte carica visiva che viene determinata dalla produzione cinematografica, di cui tutti i fan di Harry Potter hanno fatto esperienza. Chi ha apprezzato tantissimo i film e che li ha aspettati ogni anno al cinema, si è abituato a collegare i volti degli attori a quelli fatti d’inchiostro: li ha fatti vivere nella realtà. E’ difficile dire se questo si possa attuare anche con questa edizione illustrata: purtroppo oggi è molto più abituale e “immediato” guardare un film piuttosto che leggere un libro.

Chi non si accontenterà della nuova edizione di Harry Potter e la pietra filosofale, apprezzerà la notizia della futura pubblicazione del secondo capitolo della saga, a cui Jim Kay sta già lavorando. Il disegnatore, già famoso per aver vinto nel 2012 il premio Kate Greenway Medal, dedicato all’illustrazione per ragazzi in Gran Bretagna, è il terzo in ordine cronologico degli illustratori che hanno lavorato per tutti e sette i libri. Per chi abbia altre curiosità sull’estro artistico di Kay può visitare il suo sito personale www.jimkay.co.uk.

L’artista è stato salutato così dall’autrice Rowling:

Seeing Jim Kay’s illustrations moved me profoundly. I love his interpretation of Harry Potter’s world, and I feel honoured and grateful that he has lent his talent to it.

Vedere le illustrazioni di Jim Kay mi ha commosso profondamente. Amo la sua interpretazione del mondo di Harry Potter, e sono onorata e grata del fatto che gli abbia prestato il suo talento.

Che dire, dopo una presentazione del genere, non ci resta che gustare con occhi diversi il nuovo Harry Potter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *