Alphabet Art Friday

12931206_10154355211230101_3501101566294693466_n

Aprile è il mese dell’arte e del design a Milano. Con molteplici eventi e appuntamenti imperdibili. La citys’impregna di artisti, creativi e appassionati da tutto il globo.

Non trascurabile è la nightlife con la serata Alphabet al Rocket. Il club più strong, in assoluto, stila la sua lista come proposta complementare e alternativa ai giorni caldi milanesi. Immergersi nell’arte quella che vive di notte ed è fruita da una fauna che assapora un mix d’ispirazione e divertimento.

Un salto nel passato ci fa ricordare Keith Haring, Jean-Michel Basquiat, Andy Warhol e Grace Jones che frequentavano l’habitat underground della Milano che oggi si propone con una scena attrattiva e intessuta di fermento creativo con i suoi protagonisti contemporanei.

Il primo Aprile ad Alphabet inaugura un nuovo ciclo di eventi e iniziative, intitolato “Urban Disease”.
Un ciclo che vuole abbracciare le arti a 360°, partendo dall’interactive graphic design fino alla performance musicale dal vivo. Urban disease è vivere la metropoli nelle sue accezioni più anomale ed ossessive, un “mal di città” generato da un contemporaneità quasi sempre nevrotica, che prenderà vita ogni venerdì sera di Aprile al Rocket.

“Una serie di volti noti della nightlife (e non solo) saranno riconoscibili nelle figure dai corpi ri-plasmati dalla poliedrica artista Ilaria Bochicchio durante la serata di apertura del primo aprile, in parte realizzati dal vivo durante la prima ora di apertura del locale”. Queste sono le parole degli organizzatori Luca Crescenzi e Michele Modica affiancati, come da consuetudine, dal curatore della Go! – Go! Room Maurizio Bruno.

“Se nella storia dell’arte il ritratto è stato il mezzo per immortalare la nobiltà, le figure ecclesiastiche, la borghesia e tutte le grandi personalità per me diventa il medium per interpretare i protagonisti della notte Alphabet. Il mood è lo stesso, cambiano i canali e il linguaggio. La lenta posa dal vivo e l’eterna asciugatura dell’olio sono sostituite dalla velocità del segno grafico. Sullo schermo, i protagonisti sono interpretati e la composizione del quadro si crea attraverso i pixel. Per me sarà davvero un’occasione interessante per confrontarmi con persone in sintonia con il mio mondo e che ho avuto la possibilità di incontrare, più di una notte, da spettatrice di linguaggi video art e fotografici proposti in esposizione. Potrò anche vivere l’aspetto ludico e intrigante di avere l’opportunità, come faceva capziosamente Henri Toulouse-Lautrec nei locali imprescindibili parigini, di ritrarre i volti più affascinanti della notte”.

Ilaria Bochicchio

In occasione dell’inaugurazione del MIART 2016, venerdì 8 aprile, sarà il live painting di Sante Visoni che porterà la street art all’interno di un club, facendo convivere pittura e musica, esperienza e improvvisazione.
Il party per la Design Week vedrà come protagonista la performer provocatoria M¥ss Keta, personalità eccentrica nel panorama musicale milanese capace di cogliere l’atmosfera metropolitana e giocare con il peccato e le cattive abitudini della società più mainstream.

Immancabili, come ogni venerdì, nella Main Room il dj-set di Enza V.D.K e Thomas Constatin, mentre nella Go!-Go! Room Definitely Dave, Fabrizio Strada, Barbarella e Massi Rocket.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *