Adesso chiama, Adesso risponde

Gamberale_Adesso_NAR.indd

Al limite delle situazioni, oltre il nostro andare, Adesso, arriva – tormenta, perché costringe a fare i conti con la Rivelazione che noi stessi abbiamo mascherato volutamente ma che noi stessi siamo – Adesso chiama, Adesso risponde. Lidia e Pietro sono Adesso, mentre prima erano troppo impegnati a non badarci, a non volerlo sentire Adesso. Adesso è l’Amore, Adesso è il cambiamento. Chiara Gamberale in questo libro edito da Feltrinelli racconta storie dalle quali è quasi impossibile non farsi abbracciare o avvertire quella pallina, “sotto le costole, all’altezza della pancia”.

Perché Pietro e Lidia sono tutti noi, la scommessa vinta o persa dell’innamoramento. Sono la voce del rischio, che scappa da una vita difficile e insoddisfacente perché vuole amare, Adesso. Preside quarantottenne lui, separato (l’ex moglie, Betti, ha deciso di chiudersi in un convento trascinando con sé la figlia), ossessionato dalla causa per l’affidamento di Marianna. Per scelta libera e non felice lei, separata da tre anni da Lorenzo – il suo amoreterno, Lilo – conduttrice di Tutte le famiglie felici, ogni settimana con il beauty e il pigiama in mano si trasferisce in casa di una famiglia, non per educarla ma per imparare: “Ho quasi 40 anni e so allacciarmi le scarpe, so fare i conti e so parlare inglese. Ho capito cos’è l’evoluzione, come funziona un router e come si passa dal freno alla frizione. Ma come si fa a stare insieme, no[…]. E’ per questo che ogni settimana chiederò a una famiglia di adottarmi. Perché quella famiglia possa finalmente insegnarmi come si fa.”

Così anche casa di Pietro a Milano diventa un set televisivo: ” la puntata darà una mano al processo e sarà di grande conforto per tutti i padri nella tua condizione.” Poi, le telecamere si spengono e a questo punto è Lidia che si sfoga e Pietro la comprende:

“Ti capisco e non mi spaventi, Lidia”

“Che?”

“Ti capisco e non mi spaventi.”

“Pietro, ma sei scemo? Perché mi guardi così?”

“Cambia treno.”

“Cambiare treno?”

“Parti nel pomeriggio”

“Perché?”

“Andiamo di là e facciamo l’amore.”

“Ma chi?”

“Tu e io.”

“E quando?”

“Adesso.”

A quel punto è successo tutto, l’occasione, ti innamori, “chi, io? Non sono pronto, ho paura”, eppure è successo, Adesso.

Intanto.. Roberto è uno scienziato, Luca tempo fa ha promesso a sua moglie Federica che non avrebbe più toccato una donna dopo di lei, sebbene sia morta da un po’. Valentina, la ragazza dell’erboristeria, spera e si arrende, si arrende e spera, perché non ha solo due tette esagerate. André aspetta un figlio che non vuole, Mina fa la psicologa… fuggono da loro stessi o corrono per cercare se stessi.

E poi l’Arca Senza Noè, quella in cui Lidia ha trovato altri animali della sua stessa razza, in fuga da un sogno che li ha traditi: Tony, sposato con Billy, con cui aveva aperto un ristorante italiano a Morro di San Paolo, lascia la vita immaginata quando Billy gli confessa di aspettare un bambino da Ramona, o dalla gemella di Ramona insomma, e si imbarca sull’Arca. Michele, che sviluppa videogiochi dividendosi tra Roma e Barcellona, dove vive la sua prima moglie che nel frattempo, risposatasi con un altro, è diventata la sua amante. E’ con loro che Lidia che trascorre il tempo, quando non è impegnata con il programma o non va a trovare Lorenzo, in campagna.

Tornando se stessa, ancora più straniera e persa, Lidia, nell’infinità delle persone contro cui è andata a sbattere, ne ha riconosciuta una, Pietro. Da Roma si trasferisce a Milano, molla il programma, per un po’, per Pietro. Lui che all’amore ha sempre chiesto che lo facesse stare tranquillo, ora si ritrova con una donna che ha la pelle che gli piace tanto, che lo spinge a fare cose impensabili: pensare a dove ha sbagliato davanti a un temporale, toccarla, pensare di imparare ogni giorno a suonare uno strumento prezioso, ritrovarsi archeologo e alla ricerca di quello che lui stesso ha sepolto, sentire qualcosa che non riconosce, che non lo fa rimanere fermo al suo posto, che gli fa venire come voglia di correre.

La scelta opportuna per loro due, in convalescenza dal futuro, sarebbe salutarsi, e basta. Ma adesso vogliono confidarsi chi sono, cercare di scoprire chi sono, usare parole nuove. Adesso sono nuovi, cambiano, non ne potevano più di loro stessi. Sono innamorati e hanno la testa appannata.

A Favignana, “l’isola di Pietro, Lidia incorre nel mare dei se, perché oltre alle sue paure, adesso, ci sono anche quelle dell’altro e il solo vero motivo di forza di qualsiasi essere umano, per Lidia, è prendere atto delle sue fragilità : ” Io ti ho messo in mano tutti i miei limiti, ma tu non lo fai mai.” Pietro si difende, come sempre aveva fatto. Lidia se ne va.

“Quindi stare insieme a una persona, adesso, che cosa significa?”

“Forse significa avere come presupposto la nostra complessità e quella dell’altra persona.”

“Lidia, voglio subito che tu sappia che io….”

“Pietro?”

“Sì.”

“Andiamo di là e facciamo l’amore.”

Restano le persone che amiamo, e al per sempre non bisogna pensare, perché lui è qui, lei è qui, Adesso. “Mentre arriva un altro autunno, un’altra bolletta, è di nuovo mercoledì sera. E’ di nuovo Natale”

Adesso è il romanzo buttato da dentro, con tutti i se e i ma della paura, la chiave dei sentimenti, della storia dell’innamoramento. Ma come la paura è Adesso, l’amore è già Adesso.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *